O Maria, concepita senza peccato, prega per noi che ricorriamo a Te!

 

 

Cerca nel Sito Cerca nel Web

powered by FreeFind

 

(Per qualsiasi tipo di info, suggerimento e richiesta)

Contattaci

 

^ torna all'inizio della pagina

 

Preghiere

 

Per combattere le tentazioni impure e vivere nella santa castità

(si tratta di una raccolta di riferimenti biblici vari sul tema della castità, in formato Word)

 

Presentazione di questo testo dei salmi

Si tratta del normale salterio nella edizione CEI. Le parole che presentano il salmo servono semplicemente ad aiutare il lettore a servirsi del testo per pregare Dio al fine di ottenere sempre più pienamente il santo dono della castitá. La preghiera e in particolare la preghiera salmica, unita ad una santa ascesi, ha una speciale forza per abbattere le tentazioni impure, insegna chiaramente tutta la Tradizione. Alcune espressioni da me usate per ‘ preparare alla preghiera possono sembrare un po’ forti e vanno intese secondo la retta interpretazione della s. Scrittura, per questo propongo a chi volesse approndire il tema la lettura di due brani tratti dai testi di s. Tommaso (“Somma contro i gentili” “Somma Teologica”) per spiegare alcune affermazioni relative all’ “odio” di Dio per i peccatori e all’odio che gli uomini devono avere per i peccatori; Dio, spiega il s. Dottore, si dice che odia i peccatori nel senso che, per giustizia, li punisce, noi dobbiamo odiarli in quanto sono peccatori, cioè in quanto fanno il male, ma dobbiamo amarli in quanto creati da Dio e da Lui destinati alla Beatitudine, amarli, però, non nel senso di volere ciò che essi vogliono o di godere di ciò di cui essi godono, ma nel senso di far loro volere ciò che è bene volere e che noi vogliamo e di far loro godere di ciò che è bene godere e di cui noi godiamo.

Il contesto in cui è pensata questa preghiera è quello nel quale viviamo, soprattutto quello delle grandi città nelle quali dilaga il peccato impuro e l’indecenza. Perciò mettiamo in particolare rilievo nei testi quello che riguarda la castità e la vittoria sulle tentazioni di lussuria.

Per lussuria intendiamo, normalmente, genericamente l’insieme dei peccati che ruotano intorno al sesto e al nono precetto del decalogo: fornicazione, adulterio, unioni contro natura (omosessualità, bestialità etc.), pornografia, prostituzione, atti di lussuria non consumata, come ad es. baci dati per il gusto del piacere venereo (che praticamente in ogni film vengono mostrati a tutti) etc.etc.

Allorché parliamo dell’uomo casto ci riferiamo all’uomo veramente e pienamente casto: nel cuore e nel corpo, cioè ci riferiamo all’uomo santo, che vive nella divina grazia; ci riferiamo altresì alla castità come virtù infusa e perciò indissolubilmente legata alla carità.

Per meditare e pregare più profondamente i salmi, sopratutto nella prospettiva della Liturgia delle Ore è utile considerare quanto affermava Papa Paolo VI nella “Laudis canticum

La preghiera cristiana è anzitutto implorazione di tutta la famiglia umana, che Cristo associa a se stesso , nel senso che ognuno partecipa a questa preghiera, che è propria dell'intero corpo. Questa perciò esprime la voce della diletta Sposa di Cristo, i desideri ed i voti di tutto il popolo cristiano, le suppliche e le implorazioni per le necessità di tutti gli uomini.

Ma questa preghiera riceve la sua unità dal cuore di Cristo. Il nostro Redentore ha voluto infatti "che quella vita che aveva iniziato con le sue preghiere e col suo sacrificio, durante la sua esistenza terrena non venisse interrotta per il volge re dei secoli nel suo Corpo mistico, che è la Chiesa" (5). Avviene, perciò, che la preghiera della Chiesa è insieme "la preghiera che Cristo con il suo Corpo rivolge al Padre" (6). Mentre dunque recitiamo l'Ufficio, dobbiamo riconoscere l'eco delle nostre voci in quelle di Cristo e quelle di Cristo in noi (7).

Perché questa caratteristica della nostra preghiera risplenda più chiaramente, e indispensabile che "quella soave e viva conoscenza della Sacra Scrittura" (8), che emana dalla Liturgia delle Ore, rifiorisca in tutti, in modo che la Sacra Scrittura diventi realmente la fonte principale di tutta la preghiera cristiana.

Soprattutto la preghiera dei salmi, che senza interruzione accompagna e proclama l'azione di Dio nella storia della salvezza, deve essere compresa con rinnovato amore dal popolo di Dio. Perché sia raggiunto più facilmente questo scopo è necessario che il significato inteso dalla Chiesa, quando canta i salmi nella Liturgia, sia studiato più assiduamente dal clero e sia comunicato anche ai fedeli mediante opportuna catechesi.

A voler essere profondi si può dire che in certo modo tutti questi salmi, in Cristo, possono essere pregati sia da coloro che sono nel peccato di lussuria e vogliono uscirvi sia da coloro che vivono nella s. castità e vi vogliono rimanere; dico questo perché essendo Cristo a pregare in noi questi salmi Egli sa farci conoscere come anche i salmi nei quali si invoca il perdono dei peccati possono essere pregati da chi non ha commesso peccati gravi di lussuria: tutti infatti abbiamo commesso almeno peccati veniali, e con questi salmi appunto chiediamo perdono a Dio per essi.

Lo stesso Cristo sa ulteriormente illuminare coloro che si uniscono alla sua preghiera e che però sono ancora nel peccato ( ma vogliono uscirvi) affinché sappiano utilizzare per la loro preghiera anche, a volte, salmi che non siano semplicemente di richiesta di perdono, ma che siano di lode o di altro genere, tutti salmi, infatti, se bene intesi possono in certo modo, con l’aiuto di Cristo Gesù, applicarsi ad ogni persona per attrarlo alla santità, alla vita di grazia e di castità. (...continua )

Tutto il testo lo potete trovare all'interno del documento Word "Riferimenti biblici vari sul tema della castità" di don Tullio Rotondo


 

 

Riferimenti biblici vari sul tema della castità

(File Word in fomato .doc - 475KB )

 

 


 

Il Credo dell'uomo casto

Io credo che la carità cioè l’amore santo che Dio diffonde nei nostri cuori per sé stesso e per i nostri prossimi è la fondamentale e nativa vocazione di ogni essere umano

Credo che creando l'essere umano uomo e donna, Dio dona all'uno e all'altra, in modo uguale, la dignità personale, spetta perciò a ciascuno, uomo e donna, riconoscere e accettare la propria identità sessuale.

Credo che Cristo è il modello della castità e che ogni battezzato è chiamato a condurre una vita casta, ciascuno secondo lo stato di vita che gli è proprio: celibe o sposato.

Credo che la castità significa l'integrazione della sessualità nella persona. e credo che richiede l’acquisizione del dominio di sé .

Credo che tra i peccati gravemente contrari alla castità, vanno citati la masturbazione, la fornicazione, la pornografia e le pratiche omosessuali.

Credo che l'alleanza liberamente contratta dagli sposi implica un amore fedele; credo che essa impone loro l'obbligo di conservare l'indissolubilità del loro Matrimonio.

Credo che la fecondità è un bene, un dono, un fine del matrimonio; donando la vita, gli sposi partecipano della paternità di Dio.

Credo che la regolazione delle nascite rappresenta uno degli aspetti della paternità e della maternità responsabili. Credo che la legittimità delle intenzioni degli sposi non giustifica il ricorso a mezzi moralmente inaccettabili (la sterilizzazione diretta, la contraccezione, l’inseminazione artficiale omologa o eterologa etc).

Credo che l'adulterio e il divorzio, la poligamia e la libera unione costituiscono gravi offese alla dignità del matrimonio.

Credo che “Chiunque guarda una donna per desiderarla, ha già commesso adulterio con lei nel suo cuore “ (Mt 5,28).

Credo che il nono comandamento mette in guardia dal desiderio smodato o concupiscenza carnale.

Credo che la lotta contro la concupiscenza carnale passa attraverso la purificazione del cuore e la pratica della temperanza.

Credo che la purezza del cuore ci farà vedere Dio: fin d'ora ci consente di vedere ogni cosa secondo Dio.

Credo che la purificazione del cuore esige la preghiera, la pratica della castità, la purezza dell'intenzione e dello sguardo.

Credo che la purezza del cuore richiede il pudore, che è pazienza, modestia e discrezione e credo che il pudore custodisce l'intimità della persona

Credo che la lussuria è suscitata nell’uomo dai suoi terribili nemici: carne , demonio e mondo.

Credo che essa è un male grave, che tocca misteriosamente l’infinito, credo che ad essa corrisponde una pena eterna nell’inferno.

Credo che Dio odia il peccato di lussuria e lo punisce, per chi non si pente, con l’ inferno.

Credo che coloro che diffondono la lussuria, la proteggono o la esaltano sono strumenti del demonio per la nostra dannazione.

Io credo che se l’uomo conoscesse in profondità, nella luce di Dio, cosa è il peccato di lussuria non lo commetterebbe, perché esso è un grande male e infatti i beati che tutto vedono in Dio non possono compiere tale peccato né altri, Dio infatti, è infinita Bellezza che s. attrae.

Credo che Dio ci prepara in Cielo un piacere eterno ed immenso nella contemplazione di Lui stesso.

Credo che tutto il creato, in quanto ha di bello e di piacevole ci parla di quella infinita bellezza e di quell’immenso gaudio e piacere che gusteremo in Cielo, e credo che secondo la Verità in questa vita noi dobbiamo essere casti seguendo Gesù sulla via della Croce, mortificando e “crocifiggendo” il nostro corpo, per poi gustare in eterno della perfezione e anche del piacere che Dio ci prepara in Cielo..

Credo che con l’aiuto della grazia divina l’uomo può giungere alla perfetta castità perché Gesù stesso ci ha detto siate perfetti, affermando implicitamente che il Padre ci dona la grazia per essere tali.

Credo che per vivere nella santa castità occorre combattere e vincere contro le tentazioni di lussuria che, specie nella nostra società, sono frequenti e insidiose.

Credo che i mezzi che Dio ci dona per vincere con Lui la lussuria sono in particolare : i sacramenti, specie la s. confessione e l’Eucaristia, la preghiera sopratutto quella mentale e ancora di più la contemplazione, la fuga delle occasioni di peccato, la santa mortificazione sopratutto quella degli occhi.

Credo che la castità può essere di vario genere, differenziandosi nei celibi e negli sposati.

Credo che ogni rapporto coniugale deve essere compiuto in modo naturale senza artifici e metodi che lo rendano inadatto alla procreazione.

Credo che la pornografia e ogni altro tipo di commercio che sfrutta la lussuria per far arricchire le persone è un grave male ed è in abominio a Dio.

Credo che chi pecca dando scandalo al prossimo e lo induce, perciò, alla lussuria è grandemente colpevole dinanzi a Dio.

Credo che tale scandalo può aversi con le parole con gesti, con l’uso di vesti o di immagini.

Credo che l’Eucaristia SS.ma è la Fonte e il Culmine della castità cristiana perché ci dona di comunicare con le perfezioni soprannaturali di Cristo Signore che è il modello sommo di castità.

Aumenta o Signore la tua grazia e fa che con sempre maggiore carità, fede e castità giungiamo a ricevere il SS.mo Sacramento sicché da esso traiamo una sempre più grande vittoria sulle forze che ci spingono alla lussuria. Maria SS.ma Madre della santa purezza, s. Arcangeli e voi tutti angeli del Signore, s. Giuseppe castissimo e voi tutti sante e santi di Dio intercedete per noi, otteneteci la santa castità perfetta e , con essa, l’odio santo e perfetto della lussuria.

Comunione spirituale in particolare per ricevere Cristo perfezione della S. Castità.

Gesù, Dio, Provvidente e Onnipotente, Modello e Causa della s. castità io credo che tu sei realmente contenuto nel SS.mo Sacramento con il tuo Corpo Gloriosissimo, con il tuo Sangue Preziosissimo, con la tua Anima Beatissima e con la tua Divinità Infinita, Onnipotente e Santissima, credo che mi vuoi donare, attraverso la comunione con Te, di partecipare sempre più perfettamente alla tua grazia, alle tue virtù ss.me, in particolare alla tua santissima castità, ai tuoi doni dello Spirito Santo rendendomi sempre più simile a Te. Ti amo con tutto me stesso e desidero unirmi a Te e partecipare sempre più pienamente della tua vita divina e delle tue perfezioni ss.me. E poiché ora non posso comunicarmi sacramentalmente uniscimi almeno spiritualmente a Te.

(Pausa di raccoglimento)

Come già unito a Te e partecipe delle tue perfezioni ss.me, ti ringrazio, ti benedico e con Te tutto mi offro al Padre tuo impegnandomi a vivere con Te in Te e per Te tutte le sante tue virtù cosicché tutta la tua Legge Perfetta , con i tuoi s. consigli, sia da me attuata e compiuta. Sia lode, gloria, onore, amore e adorazione a Gesù Verità, Vita e Via.